AutoCust, intelligenza artificiale al servizio del CRM

L’IA conquista il CRM e sbarca su AutoCust, la piattaforma multicanale sviluppata da Traction.

La digital company italiana rilascia la nuova versione della suite proprietaria e presenta le nuove funzionalità sviluppate grazie all’integrazione con l’intelligenza artificiale.

La nuova versione della piattaforma di Customer Relationship Management e Digital Experience combina strumenti di automazione con l’efficienza e le prestazioni dei sistemi per l’elaborazione dei dati. Ciò fornisce una visione olistica di tutte le interazioni e le abitudini dei clienti, sbloccando il potenziale di business offerto dai dati.

Piena sovranità del dato

Ma quali sono le principali novità del nuovo sistema introdotto da Traction? Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, spiega che: «La nuova soluzione porta particolari vantaggi alle aziende che raccolgono e gestiscono dati comportamentali prodotti dai clienti durante la loro esperienza di navigazione e acquisto. Si tratta di informazioni che implicano una particolare attenzione nei confronti delle più recenti normative in materia di protezione dei dati personali. Attenzione non garantita dai principali sistemi di tracciamento, come Google Analytics e il Pixel di Facebook».

Sono sempre più numerosi i reclami presentati all’Autorità Garante per violazioni della disciplina in materia di protezione dei dati personali. L’innovazione tecnologica introdotta da Traction consente alle aziende di non correre più questo rischio, lasciando loro la piena sovranità del dato. La nuova soluzione permette di mantenere una totale autonomia nella raccolta dei dati, e di svincolarsi così da sistemi di tracciamento potenzialmente non a norma. Nel rispetto delle leggi in materia e della privacy dei propri clienti.

Elaborazione di modelli predittivi

Questa tecnologia non si limita a risolvere un’emergenza normativa, ma crea nuove opportunità per le aziende che, finalmente sovrane del dato, possono valorizzare il proprio patrimonio informativo con tecniche di machine learning. Queste ultime permettono, infatti, di analizzare i dati ottenuti e di identificare segnali per anticipare opportunità e rischi con modelli predittivi.

Il nuovo sistema è così in grado di identificare con anticipo possibilità di upselling, cioè di acquisto di prodotti o servizi di fascia superiore o aggiuntivi, e rischi di churn, cioè di abbandono del servizio da parte della clientela. Il tutto in modo completamente automatizzato, quindi a supporto del marketing, che viene sollevato dall’analisi di una mole enorme di dati e può concentrarsi su strategia e operatività.

«La capacità del nuovo sistema di generare modelli predittivi – conclude il CEO di Traction Geraci – è strettamente connessa alla possibilità di centralizzare in un unico punto di raccolta i dati comportamentali prodotti dai clienti sui diversi touch point, e conservarli all’interno del perimetro di proprietà dell’azienda. L’aggiornamento in tempo reale degli stessi dati consente alle aziende di costruire un patrimonio informativo di grande valore».

Applicazioni del nuovo sistema

Una nuova soluzione che permette alle aziende di avere a disposizione informazioni preziose sui propri clienti, creare offerte personalizzate e anticipare le loro esigenze, aumentando la loro fedeltà e il successo del proprio business.

L’integrazione con l’intelligenza artificiale la rende particolarmente affine a settori che prevedono una forte interazione con i propri canali digitali, come l’e-commerce. Personalizzabile e modulabile, è pensata per valorizzare sia contesti B2C che B2B.

Digiqole ad

Redazione

Articoli che potrebbero interessarti