Dal 4 al 6 ottobre si terrà la 4^ edizione della MAV: la competizione Master tra studenti per aggiudicarsi il titolo di miglior mediatore nazionale

Gli studenti di tutte le Università italiane e i neolaureati con formazione sui temi della risoluzione alternativa delle controversie (ADR) hanno tempo fino al 16 settembre per iscriversi alla 4^ edizione della MAV, “Mediazione a Verona – CIM Master”, organizzata dalla Camera Arbitrale di Milano e dall’Università di Verona. LaMAV è la competizione di livello “Master” che ogni anno vede la partecipazione di studenti che gareggiano per aggiudicarsi il titolo di miglior mediatore nazionale. La 4^ edizione si tiene dal 4 al 6 ottobre, in presenza presso l’Università di Verona.

Finalità della MAV. La MAV è un’occasione per gli studenti o i neolaureati di sperimentarsi nel ruolo del mediatore, applicando quanto appreso sulle tecniche di mediazione, sull’abilità nel collaborare alla soluzione dei problemi cercando di mediare gli interessi delle parti per giungere ad un accordo. L’obiettivo è preparare i partecipanti a gestire al meglio le dispute sia in Italia, che in un mercato globale multiculturale, nonché diffondere le modalità di svolgimento della mediazione e far acquisire fiducia nello strumento alternativo alla causa.

Chi può iscriversi? Sia gli Atenei italiani portando i propri studenti: al massimo 6 studenti per Ateneo, che gli studenti o i neolaureati individualmente.

Requisiti di partecipazione. Sono due: essere studenti iscritti ad un corso di laurea (anche triennale) o, in alternativa, essere ex studenti laureatisi non prima dell’anno accademico 2019/2020; aver ricevuto formazione in materia di ADR.

Come funziona la MAV. Squadre e ruoli. Durante la MAV si svolgono più incontri. A ogni incontro partecipa una squadra composta da due studenti in veste di mediatore e mediatore-assistente e due parti (impersonate da professionisti) che hanno il compito di dare una propria valutazione.

Il mediatore-assistente ha un ruolo diverso dal co-mediatore: solo il mediatore è seduto al tavolo della mediazione, mentre il mediatore assistente ha il ruolo di supportare, correggere, suggerire le tecniche ed i passaggi per porre domande efficaci, controllare la comunicazione non verbale, adottare l’ascolto attivo, utilizzare tecniche quali riassunto, parafrasi e riformulazione, migliorare l’esplorazione e la comprensione di interessi e bisogni.

Svolgimento degli incontri. Alle squadre vengono assegnati dei casi giuridici e durante l’incontro le squadre devono simulare la gestione di una mediazione; devono quindi dimostrare di essere in grado di presentare e spiegare la procedura.

Criteri di valutazione. I criteri di valutazione dei valutatori si riferiscono alla efficacia della comunicazione e all’attitudine a facilitare il negoziato.

Fac-simile della scheda di valutazione per assegnazione dei voti

Accoglienza delle parti, presentazione e spiegazione della procedura: da 0 a 6.

Capacità di utilizzo degli strumenti della comunicazione efficace: da 0 a 10.

Capacità di esplorazione degli interessi delle parti; da 0 a 10.

Capacità di gestione delle emozioni espresse dalle parti; da 0 a 10.

Utilizzo opportuno degli incontri separati: da 0 a 4

Informazioni e moduli. Sul sito di Camera Arbitrale di Milano www.camera-arbitrale.it sono pubblicate tutte le informazioni per partecipare, il Regolamento e il modulo per iscriversi.

Focus Ecommerce ON

Notizie correlate