Spinta all’export delle aziende italiane con i Made in Italy Days di Amazon: il 50% delle vendite registrate arrivano dall’estero 

  • Più di 50.000 offerte su prodotti Made in Italy messe a disposizione dei clienti Amazon in 8 Paesi, il doppio rispetto all’edizione dello scorso anno
  • Lombardia, Campania, Emilia-Romagna, Toscana e Veneto le regioni che hanno registrato il maggior numero di vendite all’estero nel corso dell’evento
  • Germania, Stati Uniti e Regno Unito i Paesi esteri che più hanno apprezzato i prodotti Made in Italy delle aziende italiane

Si conferma per il terzo anno consecutivo il successo dei Made in Italy Days di Amazon, la speciale finestra promozionale dedicata ai prodotti Made in Italy che per la prima volta ha avuto una durata di una settimana, dal 27 maggio al 2 giugno, e realizzata in collaborazione con Agenzia ICE. I clienti dei negozi online di Amazon negli Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti e Spagna, oltre all’Italia, hanno potuto apprezzare oltre 50.000 offerte su prodotti Made in Italy, il doppio rispetto al 2023. La metà degli acquisti registrati nel corso dell’iniziativa viene dall’estero, con particolare successo nei negozi online di Amazon in GermaniaStati Uniti e Regno Unito, oltre all’Italia. L’iniziativa si attesta come un importante impulso a supporto dell’export delle aziende che vendono attraverso Amazon.
 
Tra le piccole e medie imprese (PMI) protagoniste del successo dell’iniziativa, anche la piemontese Dulàc Farmaceutici, azienda familiare che, dal 2014, sviluppa prodotti per la cura della persona, integratori alimentari e articoli per animali domestici.
Anche quest’anno, partecipare ai Made in Italy Days di Amazon si è rivelata una scelta cruciale per il nostro business aziendale: nel corso di questa settimana abbiamo registrato un incremento del fatturato del 40%, di cui più del 40% derivante dall’estero, e un aumento delle vendite di oltre il 30% rispetto alla media giornaliera. Da inizio anno a oggi, la settimana dei Made in Italy Days è stata quella in cui abbiamo venduto più prodotti e registrato il più alto fatturato.” afferma con soddisfazione Gabriele Bollani, CEO di Dulàc Farmaceutici. “La nostra azienda affonda le proprie radici nella ricerca farmaceutica. Siamo approdati su Amazon nel 2016 perché alla vendita attraverso i canali fisici volevamo aggiungere un avamposto digitale che potesse internazionalizzare il nostro business. E così è stato: ora sul negozio online circa il 40% delle nostre vendite sono registrate negli Stati Uniti, seguono Italia, Regno Unito e Germania. I Made in Italy Days sono stati un’ulteriore occasione di visibilità per i nostri prodotti: arnica e bava di lumaca, rigorosamente Made in Italy, i più venduti, acquistati non soltanto dai nostri clienti più affezionati, ma anche da un nuovo pubblico, che l’iniziativa promozionale ci ha dato l’occasione di intercettare e che speriamo di fidelizzare nel tempo a venire”.
 
Le categorie di maggiore successo nei Paesi internazionali che più hanno apprezzato le offerte
In generale, Food, Prodotti per la Cura della Persona e Arredamento sono le categorie di prodotto più apprezzate dai clienti degli 8 Paesi del mondo coinvolti nella terza edizione dei Made in Italy Days di Amazon. Nello specifico, in Germania si è riscontrato un particolare apprezzamento per i prodotti afferenti alle categorie Food, Cucina e Casa, mentre negli Stati Uniti, insieme a Food e prodotti per la Cucina, si è registrato un particolare successo per le gli Accessori Made in Italy. Nel Regno Unito le categorie di prodotto più popolari sono state Food, Cucina e Prodotti per la cura della Persona.
 
La top 5 delle regioni italiane che hanno registrato il maggior numero di vendite
LombardiaCampaniaEmilia-RomagnaToscana e Veneto sono le regioni italiane che si sono distinte per aver registrato il maggior numero di vendite durante le giornate di promozione a livello globale. In particolare, in Germania, le regioni della vetrina Made in Italy con il più alto numero di vendite sono state Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte e Trentino Alto Adige; mentre negli Stati Uniti spiccano Friuli-Venezia Giulia, Marche, Lombardia, Lazio e Veneto, e nel Regno Unito si sono distinte Piemonte, Emilia-Romagna, Lombardia, Lazio e Friuli-Venezia Giulia.
 
I Made in Italy Days rientrano nel più ampio supporto di Amazon verso le aziende italiane che vendono sul suo negozio online, con l’obiettivo di aiutarle a raggiungere 4 miliardi di euro di vendite all’estero entro il 2025. L’impegno è stato assunto in occasione della conferenza stampa di presentazione della terza edizione dell’iniziativa, che si è tenuta lo scorso 18 aprile a Roma, alla presenza del Ministro delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), il Ministro Adolfo Urso, il Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAF), Francesco Lollobrigida, il Direttore Generale del Ministero Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), Mauro Battocchi, il Presidente di Agenzia ICE, Matteo Zoppas e il VP e Country Manager di Amazon Italia e Spagna, Mariangela Marseglia.
 
“I Made in Italy Days si confermano una iniziativa molto importante per supportare l’export delle aziende italiane, che trovano attraverso il digitale nuove opportunità di visibilità e sviluppo del business al di fuori dei confini locali. Il successo di questa terza edizione è un ulteriore stimolo a perseguire con costanza e impegno l’obiettivo di aiutare le aziende italiane che hanno scelto di utilizzare il nostro negozio online a raggiungere 4 miliardi di euro di vendite all’estero entro il 2025. È grazie a strumenti come la vetrina Made in Italy e il programma di formazione gratuito Accelera con Amazon, pensati per rispondere alle esigenze di internazionalizzazione e digitalizzazione delle imprese del nostro Paese, che svolgiamo il nostro ruolo di alleati del tessuto imprenditoriale italiano”, commenta Giulio Lampugnani, Direttore Servizi Logistica e Avvio alla vendita Marketplace, Amazon EU.

Eventi e Report

Focus Ecommerce ON

Notizie correlate

Ariadne Group entra a far parte di DGS 

Continua il percorso di crescita e innovazione dell’azienda che, di recente, ha fatto il suo ingresso nel gruppo DGS, un grande operatore dell’information technology. Ariadne Group – un pool