Spotify annuncia l’acquisizione di Whooshkaa, la tech-company australiana che assicura il broadcast-to-podcast a tutti i publisher

Negli ultimi due anni, Spotify si è concentrato sulla modernizzazione della pubblicità audio digitale per favorire la crescita di creator ed publisher: nel novembre 2020 è stata acquisito Megaphone, che ha permesso all’azienda di offrire agli editori di podcast strumenti innovativi per aiutarli a guadagnare di più dai loro contenuti. Per tutto il 2021, sono state rilasciate nuove funzionalità per l’inserimento di annunci in streaming, sbloccato l’acquisto di annunci pubblicitari podcast in Spotify Ad Studio, e introdotto Spotify Audience Network.

Dal lancio di Audience Network, sono stati registrati incrementi a due cifre sia delle percentuali di Ad filling, sia dei CPM per i publisher di Megaphone che hanno aderito all’iniziativa. In poche parole, modernizzando le tecnologia di monetizzazione degli annunci per i podcast, Spotify è stato in grado di aiutare i publisher a far crescere economicamente le loro attività, con quasi un inserzionista Spotify su cinque presente in questo mercato.

Nell’ottica di questo continuo progesso del sostegno ai ricavi, Spotify oggi annuncia l’acquisizione di Whooshkaa, una tech-company per i podcast, con sede in Australia, che offre a creatori, editori, emittenti e brand indipendenti una piattaforma end-to-end per ospitare, distribuire, monetizzare e monitorare audio on-demand. Whooshkaa offre alle emittenti radiofoniche uno strumento specializzato che semplifica la trasformazione dei contenuti audio esistenti in contenuti podcast, da distribuire on demand. Come parte dell’acquisizione, è prevista a breve l’integrazione del nuovo acquisto all’interno della suite Megaphone.

Con Spotify Audience Network, gli inserzionisti si rivolgono già a un pubblico che ascolta tutto il network di podcast, inclusi Spotify Originals & Exclusives e contenuti di terze parti tramite appunto Megaphone e Anchor. L’integrazione dell’innovativa tecnologia broadcast-to-podcast di Whooshkaa significa che Spotify sarà in grado di portare ancora più contenuti di terze parti in Spotify Audience Network, aiutando gli inserzionisti a parlare e a relazionarsi con un pubblico sempre maggiore.

Focus Ecommerce ON

Notizie correlate