Il 4,1% degli acquisti alle casse self-checkout è anomalo

In media il 4,1% degli scontrini effettuati tramite casse self-checkout nei punti vendita delle aziende Retail e GDO contiene anomalie derivanti da un errore nella scansione dei prodotti o da un tentativo di furto. Queste anomalie si concentrano maggiormente nei fine settimana e nel Sud e Isole.

Questi sono alcuni dei risultati della prima analisi sistematica in Italia sulle modalità alternative di checkout, pubblicata oggi e condotta da Crime&tech, spin-off di Transcrime – Università Cattolica del Sacro Cuore, con il supporto di Checkpoint Systems Italia, l’unico fornitore di soluzioni verticalmente integrate per il retail, e la collaborazione del Laboratorio per la Sicurezza.

Lo studio, dal titolo “Rischi e opportunità delle nuove modalità di checkout – L’evoluzione del negozio con un approfondimento sui sistemi di self-checkout”,si è occupato inoltre di approfondire l’uso dei nuovi sistemi di checkout conseguenti all’evoluzione tecnologica del settore negli ultimi anni. Tra i benefici derivanti dall’uso di queste nuove tecnologie troviamo: una riduzione dei costi, una migliore allocazione del personale, una velocizzazione delle procedure di checkout e un generale miglioramento dell’esperienza di acquisto del cliente. Tra le criticità invece si riscontrano un maggiore rischio di errori o comportamenti fraudolenti con un conseguente aumento delle perdite inventariali.

Questa analisi contribuisce a fornire spunti di riflessione e indicazioni alle aziende e ai professionisti per supportare una strategia di gestione e prevenzione dei rischi legati all’adozione di questi nuovi strumenti. I risultati di questo studio sono particolarmente rilevanti considerando come in Italia l’adozione di strumenti alternativi di checkout sia in forte crescita, soprattutto nella GDO dove, secondo una recente analisi di Crime&tech, il 73% delle aziende ha già implementato casse self-checkout.

Grazie alla collaborazione di 5 aziende italiane, lo studio ha analizzato i dati di più di 100.000 transazioni effettuate nelle casse di self-checkout nel mese di giugno 2022, rilevando che:

  • In media, il 4,1% degli scontrini analizzati ha presentato anomalie, cioè una differenza tra i prodotti scansionati e quelli effettivamente in possesso del cliente. Una sola azienda, che a differenza delle altre utilizza la tecnologia RFID, ha registrato valori significativamente inferiori (0,5%).
  • Il costo medio della merce sottratta o non scannerizzata è stato di circa 17 euro, mentre il valore delle anomalie coincide in media con lo 0,9% del valore degli scontrini controllati.
  • Le anomalie sono state riscontrate con maggiore incidenza nel fine settimana e nelle fasce orarie delle 12 e delle 19, momenti in cui l’area casse del negozio è più facilmente affollata o meno presidiata. Geograficamente è la macro-area Sud e Isole ad aver registrato la percentuale più alta di anomalie (8,2%), seguita dal Nord-Ovest (5,8%).
  • Il rapporto tra valore medio dello scontrino e dell’anomalia registrata è stato utilizzato come indicatore della possibile malafede nel comportamento del consumatore. Solo il 6% delle anomalie registrate ha presentato un’incidenza sullo scontrino medio maggiore del 50%, indicando quindi un rischio “alto” o “molto alto” di furto. Questa piccola percentuale corrisponde però al 43,8% del valore totale delle anomalie rilevate (e quindi delle conseguenti perdite).
  • Lo studio ha inoltre analizzato i dati forniti da una azienda del settore GDO relativi all’utilizzo di controlli mirati sulle transazioni tramite modalità self-scanning. Grazie all’analisi costante delle informazioni disponibili sulle transazioni e i controlli è stato possibile in soli sei mesi aumentare la precisione dei controlli arrivando ad incrementare del 37% la percentuale di anomalie riscontrate.
  • Per ridurre i possibili impatti negativi delle nuove modalità di checkout è necessario definire una strategia integrata che coinvolga più funzioni aziendali e ricorra a diversi tipi di soluzioni, quali:
    • Soluzioni tecnologiche innovative per ridurre i furti e gli errori;
    • Soluzioni di guardianship per ampliare l’assistenza ai clienti e i controlli;
    • Soluzioni di processo per migliorare i processi aziendali;
    • Soluzioni di design, in particolare relative all’architettura del punto vendita e dell’area di checkout.

Lo studio è stato presentato oggi, mercoledì 19 ottobre, durante il webinar dal titolo “Le Sfide del Retail: Rischi e opportunità delle nuove modalità di checkout”. Il rapporto è disponibile sul sito ufficiale di Checkpoint Systems Italia: https://bit.ly/3CIi2z4

Questo evento è parte del progetto di collaborazione fra Crime&tech, Checkpoint Systems Italia e l’Associazione Laboratorio per la Sicurezza avviato a giugno 2022, che si pone l’obiettivo di supportare le aziende del settore Retail e GDO nel miglioramento della comprensione, misurazione e contrasto delle minacce alla sicurezza dei loro punti vendita. Il rapporto si colloca, inoltre, all’interno della ormai pluriennale collaborazione tra Crime&tech e Checkpoint Systems: attraverso la presentazione di studi, barometri e ricerche che indagano l’andamento delle differenze inventariali in Italia e in Europa all’interno del settore retail, entrambe le realtà si pongono l’obiettivo di creare occasioni di networking e suggerire nuove strategie agli addetti ai lavori.

Eventi e Report

Focus Ecommerce ON

Notizie correlate

Krein acquisisce Riot Design SRL

La web/tech firm toscana fondata da Marchetti e Fulignati rafforzerà la divisione tech e design della startup MarTech guidata da Lapo Chirici In una mossa