Nuove chiusure? Così i centri estetici continuano a lavorare grazie ai social, aumentando il fatturato del +67%

Cosa fare se la propria attività è chiusa a causa del DPCM? Il segreto arriva da Tony Balbi, esperto di marketing, che nell’ultimo anno è stato a fianco di centri estetici ed esperte del mondo beauty per aiutare le aziende a trovare una chiave di (s)volta.

Il segreto? Rimanere in contatto, grazie ai social, con la propria clientela. Fare video, articoli o post di informazione può essere la strategia vincente per fidelizzare i clienti abituali e trovarne di nuovi, anche quando la propria attività è chiusa.

Il 2020, causa pandemia da Covid 19, è stato un anno caratterizzato da chiusure last minute e necessità, da parte delle aziende, di adattarsi ai vari DPCM. Ci sono state attività fortemente colpite dal lockdown, come ad esempio i centri estetici, che si avviano ad una nuova chiusura forzata nelle zone rosse d’Italia, secondo l’ultimo DPCM del neo eletto presidente Mario Draghi. 

Come risollevare quindi il proprio business in un nuovo periodo di chiusura? Bisogna per forza rimanere fermi e rassegnarsi a non fatturare? Assolutamente no, e di questo ne è convinto Tony Balbi, Founder di Up Marketing (https://www.upmarketing.it/) e professionista con allle spalle oltre 12 anni di esperienza trascorsi a lavorare con aziende del settore beauty e svariati centri estetici, oltre ad aver creato una community facebook che conta ad oggi 1800 estetiste e che in un solo anno è diventata un punto di riferimento per chi è alla ricerca di consigli su come migliorare la comunicazione della propria attività in questo settore.

“Del resto, se non si può andare dall’estetista ci si informa online su come prendersi cura del proprio corpo, ecco quindi perché, grazie ai social, si può diventare la figura di riferimento della propria clientela” – Spiega Tony Balbi.

I centri estetici: un business da 771 milioni* di euro in tutta Italia

In Italia, i centri estetici e le attività dedicate al beauty e alla cura della persona sono diverse decine di migliaia; si tratta, infatti, di un settore che genera mediamente ogni anno 771 milioni di euro. Numeri destinati a crescere, anche perché – solo nell’ultimo ventennio – questi sono aumentati del +72%, e sono destinati a crescere ulteriormente nei prossimi anni.  

Se tutto chiude, mantenere il legame con il cliente online

Proprio per il fatto che i centri estetici, in Italia, sono un business fiorente, è necessario mantenere il settore in vita, anche se a porte chiuse. Se un’attività commerciale deve chiudere, può essere utile mantenere attiva l’azienda sui social. Come? Creando contenuti interessanti – come video, articoli, post – per la clientela di riferimento in modo da essere presenti ogni giorno “negli smartphone” delle clienti e potenziali tali. Per un centro estetico è fondamentale essere utili al prossimo, gratuitamente, con contenuti validi su svariati argomenti di bellezza. 

Tra i contenuti più interessanti vi sono sicuramente i video, perché arrivano dritti al cuore delle persone, creando un rapporto più confidenziale e empatico con chi li guarda. Ad esempio, i centri estetici sono chiusi e bisogna pensare alla cura di sé in casa? Perché allora non creare qualche utile tutorial per realizzare una beauty routine fai da te, un massaggio esfoliante o una maschera con prodotti che tutti possiamo avere nel frigorifero di casa? 

Questo è ciò che suggerisce Tony Balbi alle estetiste di tutt’Italia con cui collabora. Dei centri estetici che si sono affidati a Tony e alla sua agenzia Up Marketing, nessuno ha subito cali di fatturato, ma non solo. La crescita media delle sue clienti, anche nei momenti di chiusura totale, si è attestata al +16%, raggiungendo, in alcuni casi, anche picchi del +67%

Eventi e Report

Focus Ecommerce ON

Notizie correlate

Ariadne Group entra a far parte di DGS 

Continua il percorso di crescita e innovazione dell’azienda che, di recente, ha fatto il suo ingresso nel gruppo DGS, un grande operatore dell’information technology. Ariadne Group – un pool