Proteggere i dati sensibili dagli attacchi ransomware con soluzioni basate su AI

di Pavan Bedadala, Senior Director, Product Management di Commvault

Nella continua battaglia contro le minacce ransomware, la salvaguardia dei dati personali (Personally Identifiable Information, PII) – quelli che comprendono informazioni private sensibili la cui compromissione può portare a gravi conseguenze legali, finanziarie e di reputazione – è un imperativo critico. Poiché gli attacchi ransomware continuano a evolversi, diventando sempre più sofisticati, la salvaguardia di questi dati rappresenta un aspetto cruciale di una strategia di protezione efficace.

  • Mitigare i rischi legali e finanziari: dopo un attacco ransomware, la divulgazione ei dati personali può esporre le organizzazioni a rischi legali e finanziari significativi. Le violazioni possono comportare multe elevate, sanzioni normative e azioni legali collettive. Per ridurre la vulnerabilità a tali responsabilità, le aziende devono identificare e proteggere i dati in modo proattivo, dimostrando il loro impegno per la protezione dei dati e della privacy.
  • Contrastare l’esfiltrazione dei dati: le gang ransomware spesso minacciano di pubblicare o vendere i dati rubati per costringere le vittime a pagare un riscatto. L’identificazione e la protezione dei dati sono necessarie per individuare le risorse critiche che gli attaccanti potrebbero prendere di mira per l’esfiltrazione. Robusti controlli di accesso, valide misure di crittografia e protocolli di prevenzione della perdita di dati agiscono come deterrenti contro l’estrazione non autorizzata.
  • Protezione su misura, con priorità ai dati PII: riconoscendo che non tutte le informazioni hanno lo stesso valore, le aziende dovrebbero adottare un approccio strategico alla protezione. I dati PII, vista la loro elevata vulnerabilità al furto di identità e alle frodi, richiedono un’attenzione particolare. Attraverso meticolose individuazione e categorizzazione, le imprese possono allocare risorse per proteggere i dati più sensibili e preziosi, migliorando così l’efficacia delle misure di cybersecurity complessive.

Riconoscere la necessità di una forte protezione dei dati PII è il prima passo. L’identificazione di una soluzione per realizzare questo compito è il secondo pezzo del puzzle.

Ottenendo visibilità sui rischi legati ai dati, le aziende possono facilmente identificare e classificare quelli sensibili per contribuire a mitigare le potenziali violazioni e promuovere un’efficiente collaborazione interfunzionale, dando luogo a strategie di gestione dei dati intelligenti e proattive, progettate per ridurre rischi e costi.

Il rilevamento dei dati sensibili si basa in larga misura su metodi di intelligenza artificiale in grado di elaborare grandi quantità di dati in modo rapido e accurato all’interno di insiemi di dati ampi e diversificati. Nel panorama digitale odierno, caratterizzato da un forte rischio ransomware, la salvaguardia dei dati PII non è solo una necessità, ma una responsabilità. Abbracciando le tecnologie intelligenti basate sull’intelligenza artificiale e impegnandosi a creare un solido involucro di protezione dei dati sensibili, le imprese possono rafforzare le loro difese e garantire loro sicurezza e privacy.

Eventi e Report

Focus Ecommerce ON

Notizie correlate

Ariadne Group entra a far parte di DGS 

Continua il percorso di crescita e innovazione dell’azienda che, di recente, ha fatto il suo ingresso nel gruppo DGS, un grande operatore dell’information technology. Ariadne Group – un pool