Il futuro del lavoro: Prestashop continua il suo cambiamento

Per sostenere la sua rapida crescita, PrestaShop, soluzione di e-commerce open-source leader in Europa e America Latina, ha nominato un Chief People Officer (CPO). Con l’apertura di questa nuova posizione, PrestaShop si pone l’obiettivo di valorizzare i propri talenti e sostenere i loro percorsi lavorativi, creando la migliore employee experience possibile. La mission del nuovo CPO, Annabelle Freret, sarà quella di essere al fianco delle persone nelle loro carriere e favorire ambienti inclusivi e collaborativi all’interno dell’azienda.

LE NUOVE FRONTIERE DEL LAVORO

In prima linea per il futuro del lavoro, PrestaShop è stata tra le poche aziende tecnologiche a introdurre il lavoro da remoto per i propri dipendenti già prima del 2020. Mentre il rapporto tra le persone e il loro posto di lavoro ha subito cambiamenti senza precedenti negli ultimi due anni, PrestaShop, con la sua recente crescita, ha dovuto prevedere in anticipo le aspettative dei nuovi potenziali talenti per confermarsi ancora una volta come un luogo di lavoro particolarmente attraente. All’inizio del 2022, la trasformazione dell’azienda verso il “lavoro del futuro” ha subito un’accelerazione con una nuova organizzazione delle attività, più flessibile e agile, che prevede un maggior equilibrio tra lavoro e vita privata: il Work From Anywhere, previsto fino a sei mesi all’anno. In un contesto di hiring competitivo come quello nel settore tecnologico, il progetto Work from Anywhere aiuterà PrestaShop a perseguire l’obiettivo di crescita e raddoppiare l’organico dell’azienda a livello globale entro il 2023.

Oltre alla policy del work remotely, PrestaShop ha aperto la strada a una visione del lavoro incentrata sulle persone, con una gestione che favorisce la flessibilità e incoraggia l’autonomia e l’empowerment dei dipendenti.

Il moltiplicarsi degli strumenti digitali tende a rendere sfumati i confini tra i tempi personali e quelli lavorativi: l’equilibrio tra lavoro e vita privata dei dipendenti è diventato quindi un punto chiave per le aziende. La policy aziendale di PrestaShop relativa al lavoro a distanza prevede che tutti i lavoratori siano connessi dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 17:00, al fine di mantenere un orario comune e collaborativo per il team. Al di fuori di queste fasce orarie, i dipendenti sono liberi di organizzare le proprie attività lavorative come preferiscono“, racconta Annabelle Freret, nuovo Chief People Officer di Prestashop.

PrestaShop vanta un DNA internazionale, basti pensare che all’interno del team nel suo complesso sono già rappresentate oltre 20 nazionalità, ma l’azienda ha in programma di compiere un ulteriore passo in avanti aprendo posizioni in tutto il mondo che esulino dal luogo di residenza e dal mercato di riferimento. Il programma si chiama Recruit from Anywhere e consentirà all’azienda di reclutare i migliori profili, indipendentemente da vincoli geografici, e al tempo stesso permetterà a qualsiasi talento di applicare per una posizione che sente come propria ovunque si trovi nel mondo.

“Con questo nuovo ruolo PrestaShop si pone l’obiettivo di affrontare le sfide strutturali di un’azienda in rapida crescita e accelerare di conseguenza l’implementazione della propria strategia. In questo modo desideriamo consentire a tutti i nostri dipendenti di beneficiare di una gestione attenta e incentrata sulle persone, al fine di allineare il loro sviluppo professionale con le sfide aziendali di PrestaShop”, commenta Francesco D’Acri, Country Manager Italia di PrestaShop.

MENO CONFINI TRA PERSONE PER UN TECH PIÙ INCLUSIVO

Negli ultimi anni, il settore tecnologico ha dimostrato di essere al centro del progresso della società; ha quindi il dovere di dare l’esempio in termini di inclusione, parità e diversità. Questi ideali dovrebbero dunque riflettersi in ambienti collaborativi dove ciascuno abbia modo di esprimere il proprio potenziale. Per PrestaShop, questi valori sono vettori di crescita economica e di responsabilità sociale. 

Secondo 50inTech – che promuove l’assunzione delle donne in tutto il mondo nell’ambito tecnologico e si è prefissato l’obiettivo di reclutare il 50% delle quote rosa nel settore tech entro il 2050 – una donna su due abbandona definitivamente questa area dopo 8 anni di carriera. In quanto scale-up in crescita e partner di 50inTech, PrestaShop si pone l’obiettivo di incoraggiare i talenti femminili a intraprendere una carriera nel mondo tecnologico e di promuoverli a posizioni senior.

Riunire le competenze senza considerare genere, disabilità, estrazione sociale, origini o età, per fare della diversità un punto di forza, non è più una questione secondaria; anzi, è al contrario un prerequisito basilare affinché le aziende risultino sempre più attraenti per le nuove generazioni e competitive rispetto ad altri player del settore, afferma Annabelle Freret, il cui inserimento nel comitato esecutivo di PrestaShop rafforza l’impegno dell’azienda verso la parità.

NUOVI ORIZZONTI PER LE RISORSE UMANE

Negli ultimi anni, la professione delle risorse umane ha subito una profonda trasformazione. Oltre al semplice ruolo di recruiting e gestione delle carriere, sono emerse nuove funzioni per rispondere alle sfide emergenti delle aziende e dei dipendenti.

Chief Happiness Officer, Head of Diversity, Head of Employee Experience: il dipartimento HR ha vissuto una svolta completa, immaginando nuove posizioni che si concentrano maggiormente sugli aspetti umani. Le aziende investono sempre di più in un approccio concreto e utile dell’employer brand. I dipendenti sono diventati un’audience specifica dell’azienda e solo se le aziende evolveranno costantemente la propria visione del lavoro saranno in grado di attrarre i talenti migliori. Le mansioni HR sono ormai parte integrante del team leader aziendale, partecipano al modello e alla cultura della compagnia, in ottica di coesione, inclusione e crescita.

Tutti questi progetti saranno guidati da Annabelle Freret, il nuovo Chief People Officer di PrestaShop, che gestirà la transizione delle HR in People department. Tutto ciò grazie alla sua ampia esperienza, che ha consolidato in precedenti realtà, dove ha già affrontato importanti sfide come il raddoppiamento dell’organico.

Digiqole ad

Redazione

Articoli che potrebbero interessarti