Singles Day in Cina, il livestreaming commerce è la forza trainante dello shopping online

Singles Day in Cina, il livestreaming commerce è la forza trainante dello shopping online

Secondo la recente indagine di AlixPartners, società di consulenza globale, quest’anno il Singles Day (noto anche come Double 11 o 11.11) sarà trainato indiscutibilmente dallo shopping online in livestreaming, vendita in diretta sotto forma di show molto popolare in Cina. Dalla ricerca è emerso anche che l’85% dei consumatori intende destinare agli acquisti del Singles Day la stessa cifra o di più rispetto allo scorso anno, mentre solo l’8% prevede di spendere meno per ragioni di sostenibilità.

La quarta edizione del sondaggio di AlixPartners sui consumatori cinesi in vista del Singles Day ha coinvolto oltre 2.000 consumatori provenienti da tutte le regioni della Cina.

Da quanto è emerso dall’indagine, la metà degli intervistati intende spendere oltre 3.000 RMB. Esaminando i dati in dettaglio, vediamo che il 31% dei rispondenti provenienti da città tier-3 e 4 intende stanziare un budget simile, mentre il 12% dei consumatori di città tier-1 e delle nuove città tier-1 (come Hangzhou e Chengdu) prevedono di spendere oltre 10.000 RMB.

La ripresa precoce della Cina dal Covid-19 ha cambiato in modo permanente le abitudini di acquisto dei consumatori locali. Il 36% degli intervistati ha indicato la preferenza a fare acquisti online per comodità e problemi di sicurezza relativi alla pandemia. In quest’ottica, il livestreaming shopping è diventato la tendenza principale: il 76% ha infatti dichiarato che quest’anno guarderà i livestreaming prima del Singles Day, per pianificare gli acquisti in anticipo.

In cima alle preferenze troviamo Taobao: non  solo è il principale canale di shopping online, ma anche la piattaforma di livestreaming più popolare per il Singles Day, e sarà utilizzata dal’83% dei consumatori intervistati per guardare video in diretta. Uno dei motivi principali che spinge i consumatori a utilizzare il livestreaming è la possibilità di trovare informazioni dettagliate sugli articoli che vorrebbero  acquistare (65%), soprattutto nel caso di prodotti di bellezza e cura della pelle (72%). Inoltre gli intervistati segnalano tra le promozioni più interessanti dei livestreaming, le offerte personalizzate promossi nei gruppi social (53%), e sconti esclusivi o regali (53%).

Anche quest’anno il livestreaming continuerà a trainare le vendite del Singles Day. Il 32% dei consumatori intervistati ha dichiarato che spenderà la metà o più del proprio budget tramite livestreaming, con un aumento del 14% rispetto allo scorso anno. Tra i rispondenti della Gen Z, ben il 94% ha dichiarato che farà acquisti tramite livestreaming; autenticità e affidabilità sono i criteri principali nella scelta dei prodotti (49%).

Marco Eccheli, Managing Director e Lead della practice Consumer & Retail di AlixPartners in Italia, commenta nella nota: “Dopo il Covid i consumatori cinesi sono diventati più attenti al prezzo e alla qualità. Il livestreaming è per loro un canale chiave per ottenere tutte le informazioni sul prodotto prima di prendere la decisione di acquisto. Una tendenza simile sta emergendo anche in altri paesi, ma la Cina è un passo avanti. In un momento in cui l’idea del live commerce è così ampiamente accettata in tutto il paese, l’efficacia di una campagna per il Singles Day dipenderà dal successo delle attività di livestreaming pre-evento”.

I consumatori intervistati hanno espresso la loro preferenza per i brand nazionali per il 73% degli acquisti per il Singles Day, con un aumento del 3% rispetto al 2020. In particolare, il 55% ha citato la lealtà verso il proprio paese come motivo principale. Il 39% ha sottolineato il proprio disappunto verso i brand stranieri che hanno sfidato la produzione nazionale cinese.

Lorenzo Novella, Director di AlixPartners a Milano, dichiara: “Anche i giovani acquirenti cinesi stanno gradualmente acquisendo un senso di orgoglio nazionale. La Gen Z cinese non cerca più marchi stranieri di fascia alta esclusivamente per lo status sociale. Sono alla ricerca di prodotti che possano veramente rappresentare la loro identità, il che significa che mantenere la fedeltà al brand in questo gruppo è più difficile che mai “.

Per i brand stranieri, la collaborazione con quelli nazionali o con opinionisti chiave locali (‘Key Opinion Spreader, KOS’) può rivelarsi la strategia di marketing più efficace. Tuttavia, tra coloro che nonostante tutto continuano ad apprezzare  i brand stranieri, la promessa di qualità e design è l’interesse principale (62%).

Digiqole ad

Davide

Articoli che potrebbero interessarti