Accordo per un Food delivery sicuro anche in tempo di emergenza sanitaria?

 Accordo per un Food delivery sicuro anche in tempo di emergenza sanitaria?

Fipe Assodelivery hanno concordato nei giorni scorsi la stesura di un decalogo sulle buone pratiche della consegna a domicilio per far fronte alla dichiarazione d’emergenza sanitaria pubblica dichiarata dal Governo e alla conseguente e comprensibile perdita di fiducia dei consumatori circa la sicurezza alimentare, nell’auspicio che le perdite inizialmente registrate dal food delivery possano essere rapidamente compensate da un incremento degli ordini, appunto superata da un lato l’iniziale diffidenza nella consegna a domicilio, e complice, dall’altro, l’altrettanto comprensibile superiore apprensione all’uscire di casa per recarsi sul punto vendita.

Questo decalogo sancisce di fatto una logica alleanza tra la federazione dei pubblici esercizi aderente a Confcommercio e l’associazione degli operatori del delivery, alla quale fanno capo realtà come Deliveroo (il cui general manager per l’Italia, Matteo Sarzana, è presidente nazionale), Just EatGlovo UberEats.

I punti inseriti nel decalogo sono i seguenti. Innanzitutto, gli operatori devono seguire scrupolosamente le raccomandazioni del ministero della Salute. I ristoratori mettono a disposizione del proprio personale prodotti igienizzanti, assicurandosi del loro utilizzo tutte le volte che ne occorra la necessità e mantenendo la distanza interpersonale di almeno un metro nello svolgimento di tutte le attività. Poi, le aree destinate al ritiro del cibo preparato osservano procedure di pulizia e igienizzazione straordinarie e queste aree devono essere separate dai locali destinati alla preparazione del cibo. Inoltre, il ritiro dei cibi preparati avviene con assenza di contatto diretto e con rispetto della distanza di sicurezza interpersonale. Il cibo preparato viene chiuso in appositi contenitori (o sacchetti) tramite adesivi chiudi-sacchetto, graffette o altro, per assicurarne la massima protezione, riposto immediatamente negli zaini termici o nei contenitori per il trasporto che devono essere mantenuti puliti con prodotti igienizzanti, per assicurare il mantenimento dei requisiti di sicurezza alimentare. La consegna al cliente finale avviene assicurando la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e l’assenza di contatto diretto. Infine, gli operatoi che presentano sintomi simili all’influenza restano a casa.

Andrea - Redazione FE

Andrea - Redazione FE

Siamo specialisti dell’e-commerce, ma prima di tutto è la nostra più grande passione. Abbiamo la fortuna di poter lavorare in un periodo dove molte professioni sono ferme, e per questo motivo abbiamo l’obbligo di fare il nostro lavoro al meglio.

Articoli che potrebbero interessarti

EBOOK GRATUITI
SEO PER E-COMMERCE

LE GUIDE PER LE PIATTAFORME PIU’ UTILIZZATE

MAGENTO

PRESTASHOP

WOOCOMMERCE