E-commerce e PMI: PrestaShop Million Club e forecast business trends per il 2022*

Più del 92% dei merchant prevede un aumento del proprio GMV e il 75% si aspetta che le vendite all’estero contribuiscano notevolmente alla crescita.

Dopo un anno eccezionale per l’e-commerce, i merchant del PrestaShop Million Club, che raccoglie i top venditori online in tutto il mondo che generano oltre 1 milione di GMV all’anno, svelano per la prima volta le loro aspettative. Una panoramica delle PMI, che conferma il loro buon andamento, disposte a competere in un mercato dell’e-commerce in continua crescita, sempre più globalizzato e conteso.

Diventare globali e performare in occasione dei momenti salienti dell’anno: la ricetta del successo per le PMI

Grazie a una digitalizzazione globale sempre più rapida, dovuta sia a nuove tendenze e abitudini di consumo sia alle dinamiche innescate dal Covid-19, le PMI che vendono online riescono a trovare il proprio posto accanto ai giganti e ai grandi mercati.

Attualmente l’entusiasmo e il desiderio di ulteriore crescita visti nei due anni scorsi si riconfermano:

  • Più del 92% dei merchant prevede una crescita nel 2022;
  • La maggior parte dei merchant (33%) prevede una crescita tra il 10% e il 20%;
  • Oltre il 50% in Italia, tra cui Tessiland o Etilika, prevede una crescita superiore al 20%

“I merchant del PrestaShop Million Club sono molto fiduciosi quest’anno. Con l’accesso a strumenti più performanti disponibili per l’e-commerce, ora hanno la possibilità di competere con i maggiori colossi, guadagnando quote di mercato e vendendo all’estero, in qualsiasi Paese,” commenta Luca Mastroianni, VP International di PrestaShop.

“Il coraggio nell’investire con tanti mesi di anticipo premierà la scelta con un aumento della platea dei consumatori che stiamo già vedendo nei primi mesi dell’anno” commenta Giovanni Mustone, Tessiland

Infatti, tra i lead considerati dai merchant per incrementare le performance nel 2022, le vendite all’estero sembrano fondamentali: oltre il 75% di loro dichiara che già quest’anno sta vendendo o venderà all’estero. Tra questi, Maanta o KiteWorldShop – che già vendono all’estero – stimano che il 30% della loro crescita deriverà dalle vendite sul mercato europeo.

“Stiamo lavorando per lanciare l’e-commerce di Paco in Europa, sappiamo che la sfida sarà difficile, ma grazie alla lunga esperienza maturata speriamo di poterla affrontare con successo,” dichiara Silvia Bosio, PacoPetShop

Per rendere il 2022 un’annata eccezionale, i merchant puntano anche sui momenti chiave dell’anno, come il Black Friday (oltre il 30%) o il periodo natalizio (24%). Alcuni merchant prevedono che gran parte della loro crescita sarà generata durante questi eventi, come Imballaggi2000 (20% durante il Black Friday) o La Bottega del Calzolaio (dal 10% al 20% durante il Natale).

Leve e nuove tendenze per continuare a performare

Queste grandi performance non potrebbero essere possibili senza strategie di marketing create ad hoc. Infatti, per il 50% dei merchant, come ad esempio Mavment e Reware, l’acquisizione di nuovi clienti è la sfida principale per il 2022. Tra le leve che intendono attivare per raggiungere l’obiettivo, la SEO è l’opzione primaria (oltre il 50% delle preferenze) e i merchant pianificano di destinarvi più del 33% del budget di marketing.

“Punteremo ad acquisire nuovi clienti con attività in presenza, come le fiere, e offrendo consulenze personalizzate su tutto il territorio nazionale. Raggiungeremo così persone difficili da contattare tramite e-commerce e i nostri canali digitali, ma che comunque condividono la nostra passione,” commentaGianmarco Avagliano, Mavment

In effetti, i merchant del PrestaShop Million Club, come Mosquitoweb ed Etilika, dichiarano che il 40% di loro si è approcciato per la prima volta al marketing automation. CRO e social selling sono invece al secondo e terzo posto, rispettivamente con il 40% e il 14%.

“Il nostro obiettivo è supportare i nostri clienti (acquisiti e potenziali) nello scegliere e nell’utilizzare al meglio le diverse soluzioni,” commenta Alberto Okely, Mosquitoweb

I merchant, però, conoscono anche l’importanza di dare ascolto alle aspettative dei clienti per un e-commerce più sostenibile. Di conseguenza, la maggioranza di loro (quasi il 55%), tra cui Motorstock, Glamsport o PacoPetShop, è interessata a imballaggi eco sostenibili, trasporti ecologici (quasi il 23%) o articoli di seconda mano o ricondizionati (quasi il 15%). 

“L’obiettivo è arrivare a utilizzare il 100% di imballaggi realizzati con materiali riciclati o compostabili, in modo da ridurre l’impatto sull’ambiente. Vogliamo che i nostri clienti si approccino alla bici come uno stile di vita più sano e sostenibile ed è anche compito nostro coinvolgerli in questa rivoluzione,” dichiara Matteo Zendron, Glamsport

Digiqole ad

Davide

Articoli che potrebbero interessarti